#PergolaBella

MENÙ

Museo dei Bronzi Dorati e della Città di Pergola

Il museo ha sede nell'ex convento di san Giacomo delle monache agostiniane. Le sale espositive e gli altri ambienti di servizio sono stati allestiti al piano terra attorno al chiostro. Inaugurato il 9 ottobre 1999 accoglie i Bronzi Dorati da Cartoceto di Pergola, unici nel loro genere, di epoca romana, finora conosciuti. Il gruppo equestre fu ritrovato casualmente durante uno scavo a Cartoceto di Pergola il 26 giugno 1946. È composto da due figure femminili velate e da due cavalieri in veste militare con cavalli riccamente ornati. In un primo studio fu ipotizzato il riferimento a personaggi della famiglia imperiale Giulio-Claudia identificando le due statue meglio conservate in Livia moglie di Augusto, la figura femminile, e in Nerone Cesare, figlio di Germanico, il cavaliere. Studi recenti retrodaterebbero il gruppo all’età tardo-repubblicana primo-imperiale indicando nelle statue i componenti di una famiglia d’alto rango legata al territorio marchigiano come quella di Marco Satrio, senatore legato a Sentinum, luogotenente di Giulio Cesare e futuro cesaricida.

La sezione archeologica si completa con mosaici policromi e corredi di tombe di età romana rinvenuti nelle vicinanze di Pergola.

La sezione numismatica comprende 238 monete della raccolta donata al Comune di Pergola da don Giovanni Carboni nel 1971. La collezione si riferisce ad un periodo particolare della storia italiana, quello precedente e contemporaneo alla prime campagne napoleoniche. Alla fine del 1700 le difficoltà economiche dello Stato Pontificio portarono all’apertura ed al ripristino di alcune zecche, tra cui quella di Pergola attiva dal 1796 al 1799.

La sezione storico-artistica raccoglie una serie di opere: dipinti, sculture e arredi in legno, stampe e disegni databili tra il XV e il XVIII secolo. Testimonianza significativa del patrimonio artistico pergolese.

La sezione di arte contemporanea presenta una serie di opere grafiche dell’artista pergolese Walter Valentini esponente di spicco dell’astrattismo lirico italiano ed europeo.